Relazioni tra Santa Sede e Repubbliche baltiche (1918-1940). Monsignor Zecchini diplomatico

Titolo: Relazioni tra Santa Sede e Repubbliche baltiche (1918-1940). Monsignor Zecchini diplomatico
Autore: Perna Valerio
Dati: 2010, 240 p., ill., brossura
Formato: PDF / EPUB

L’irruzione sulla scena europea dei nuovi Stati nazionali nel 1918-1919 fu una conseguenza della politica delle nazionalità del presidente americano Wilson. In quel clima maturò l’indipendenza delle tre Repubbliche baltiche. La diplomazia vaticana seguì l’evolversi degli eventi con l’abituale cautela. Le relazioni con la Lettonia assunsero una connotazione di cordialità con la firma del concordato e l’apertura formale delle rappresentanze diplomatiche. Crebbe di tono anche l’intesa con l’Estonia, nonostante l’esigua presenza dei cattolici nel paese. I rapporti con la Lituania furono invece caratterizzati da frequenti malintesi e segnati da momenti di profonda crisi. Il protagonista delle relazioni tra la Santa Sede e le Repubbliche baltiche fu per un quindicennio (1921-1935) monsignor Antonino Zecchini, un gesuita originario di Visco in Friuli, che fu inizialmente visitatore apostolico, poi delegato permanente, quindi venne elevato alla carica di internunzio e subito dopo di nunzio apostolico in Lettonia. Quando nel 1940 le Repubbliche furono occupate e assorbite dall’Unione Sovietica, le relazioni vaticano-baltiche subirono una lunga interruzione, e ripresero solo nel 1991.